“Mi ha girato da dietro e lo ha messo proprio lì…” Cristiano Ronaldo, se è vero le accuse di stupro sono davvero infamanti

“Mi ha girato da dietro e lo ha messo proprio lì…” Cristiano Ronaldo, se è vero le accuse di stupro sono davvero infamanti

7 ottobre 2018 0 Di admin

Carlo Tarallo per la Verità

Il venerdì nero dei bianconeri: ieri la Juventus ha perso in Borsa il 9,92% a causa delle accuse di stupro rivolte a Cristiano Ronaldo dalla ex modella americana Kathryn Mayorga. Un vero e proprio crollo: lo scandalo ha provocato anche la reazione di due dei maggiori sponsor di CR7.

La Nike si è detta «profondamente preoccupata»; il colosso di videogiochi EA Sports, che quest’ anno ha stampato l’ immagine di Cr7 sulla copertina del suo gioco più venduto, Fifa 19, ha comunicato di essere a conoscenza «delle preoccupanti notizie che raccontano le accuse a Ronaldo», e ha eliminato una foto di CR7 dal suo sito. Brutte notizie pure dalla nazionale: il ct del Portogallo, Fernando Santos, non ha convocato Ronaldo per la partita di Nations Cup contro la Polonia e per l’ amichevole con la Scozia dell’ 11 e 14 ottobre.

La vicenda risale al 2009, ed è rispuntata fuori dopo una lunga inchiesta, condita da molti documenti, del principale settimanale tedesco, Der Spiegel. L’ accusatrice è Kathryn Mayorga, ex modella americana, oggi trentaquattrenne, che ha raccontato che Ronaldo l’ avrebbe stuprata nel 2009, a Las Vegas. La Mayorga avrebbe ricevuto 375.000 dollari dal campione portoghese per mettere a tacere la vicenda, ma ora il suo nuovo legale, Leslie Stovall, ha denunciato CR7 dicendo ai giornalisti che la sua assistita «a causa dello stupro subito nel 2009 ha avuto periodi di depressione, ha pensato al suicidio, ha fatto abuso di alcol e ha avuto difficoltà a mantenere rapporti sociali». Ad aggravare la posizione del fuoriclasse della Juventus ci sarebbero le risposte date all’ epoca al suo pool di avvocati.

Il racconto di quella notte fatto da Kathryn è molto crudo. Secondo quanto riferito dall’ ex modella, il 12 giugno 2009 si trovava insieme a un’ amica in un locale di Las Vegas, dove le venne presentato Ronaldo, all’ epoca venticinquenne, che aveva appena concluso la sua ultima stagione al Manchester United e stava per passare al Real Madrid. I due si scambiarono i numeri di telefono, e pochi minuti dopo (a quanto racconta l’ ex modella) Cr7 la contattò, invitando lei e l’ amica a un party in un albergo vicino, il Palms casino resort.

Kathryn salì in una suite, dove c’ era una vasca idromassaggio. Il fuoriclasse portoghese avrebbe detto alla ragazza di cambiarsi per fare il bagno insieme a lui e ai suoi amici. «Mentre sono nel bagno», ha raccontato Kathryn Mayorga, «in piedi con addosso solo le mie mutandine, Ronaldo entra improvvisamente, con il suo pene che pende dai pantaloncini. Mi chiede di toccarglielo per 30 secondi, mi implora di succhiarglielo». Kathryn si rifiutò limitandosi a dare un bacio al calciatore. «Mi trascina nella stanza», ha aggiunto l’ ex modella, «non ho ancora paura. Gli spiego: senti amico, non succederà. Ho voltato le spalle, lui ha cercato di togliermi la biancheria intima, mi proteggevo la vagina con le mani, ed è stato allora che mi è saltato addosso».

Ronaldo, secondo quanto riferito da Kathryn, la violentò analmente, senza preservativo e senza utilizzare un lubrificante, mentre lei ripeteva «no, no, no!». Tornata a casa, la mattina dopo andò alla polizia per denunciare l’ accaduto, senza fare il nome di Ronaldo, ma parlando di un «personaggio famoso».

La polizia di Las Vegas portò Kathryn in ospedale, dove venne visitata per due ore. Le fu diagnosticato un gonfiore anale con abrasioni e lacerazioni (fotografate) e le furono somministrati due antibiotici. L’ infermiera scrisse nel referto che il retto di Kathryn era stato penetrato e che l’ eiaculazione era avvenuta nelle mani della persona che l’ aveva sodomizzata.

Kathryn non sporse denuncia e i suoi legali avrebbero concordato con quelli di Cristiano Ronaldo una somma di 375.000 dollari in cambio del silenzio della ex modella. Ora, sull’ onda del movimento Me too, la presunta vittima ha deciso di denunciare CR7 presso una corte del Nevada e la polizia di Las Vegas ha riaperto l’ inchiesta.

Il fuoriclasse ha sempre negato le accuse e ha ingaggiato un nuovo legale, l’ avvocato delle star, David Chesnoff.

Source : http://www.mag24.es/2018/10/06/mi-ha-girato-da-dietro-e-lo-ha-messo-proprio-li-cristiano-ronaldo-se-e-vero-le-accuse-di-stupro-sono-davvero-infamanti/

loading...